Milani: 80 anni di storia e di amore per il caffè

Caffè Milani nasce nel 1937 con Celestino Milani e una grande passione per il caffè che prosegue da tre generazioni

È il 1934 quando Celestino Milani apre un bar nel cuore di Como. Il locale richiama gli abitanti del quartiere e chiunque gli passi accanto, attirati dall’aroma intenso e piacevolissimo del caffè.

Il cambiamento in cui affondano le radici di Caffè Milani avviene nel 1937: il titolare dell’unica torrefazione della zona propone di acquistare la piccola attività produttiva a Celestino, che vende il locale e si dedica unicamente alla sua grande passione: tostare il caffè.
Fine, delicato, leggero: l’esperienza di barista gli dice che è questo il profilo caffè dell’espresso che i clienti locali gradiscono. Per loro seleziona con attenzione caffè arabica: ne nasce la miscela Milani Bar.

In questo clima di attenzione alla massima qualità, cresce il figlio Pierluigi. Conseguita la Laurea in Giurisprudenza, comincia a lavorare accanto al padre. Fa esperienza diretta nelle terre di produzione del caffè per oltre un mese in Costa Rica e al suo ritorno, aiutato dal padre, si mette alla ricerca di una sede nuova e più ampia alla torrefazione, in piena crescita. La trova a Lipomo, un piccolo paese a pochi chilometri da Como, la produzione prende il via nel 1970.

Sono anni di cambiamenti rapidi: l’industrializzazione diffusa porta con sé un mix differenziato di profili professionali e sociali, culture e provenienze ai quali anche il caffè si adatta: Caffè Milani crea nuove miscele in grado di soddisfare più palati ed esigenze di gusto e corpo.

Nel 1985 acquisisce un marchio storico del caffè decaffeinato, Cuoril, che alla mancanza di caffeina unisce una grande piacevolezza al gusto.
La fine degli anni ’80 e tutto il decennio seguente sono densi di nuove rivoluzionarie esperienze. Nel 1989 Caffè Milani è tra i fondatori del consorzio Grancaffè al quale aderiscono 11 torrefazioni di tutta Italia che uniscono le proprie competenze per ottenere il massimo della qualità. Ne nasce la miscela Grancaffè (ancora oggi in gamma).

E’ il momento di un’intuizione che negli anni seguenti si affermerà per diventare una tendenza attuale. Alle fine degli anni ’90 Milani è la prima torrefazione a proporre i caffè monorigine nella linea Puro: sono le “voci soliste”, i gusti particolari dei caffè delle singole provenienze sino ad allora gustati in miscela; prodotti unici da assaporare con attenzione. Trovano dapprima spazio nel retail di alta gamma e successivamente un luogo dedicato, in cui apprezzarne le diverse personalità con calma e attenzione, nella catena di caffetterie Caffè&Caffè, espressione dell’amore di Milani per il caffè in tutte le sue declinazioni.

Pierluigi Milani sa che al piacere per un buon espresso si deve unire la cultura del prodotto dalla pianta alla tazzina. Per questo è tra i soci fondatori di INEI – Istituto Nazionale Espresso Italiano. Gli obiettivi dell’associazione sono la difesa della qualità dell’espresso e del cappuccio tramite una certificazione sensoriale, la diffusione della cultura del caffè attraverso un’articolata serie di corsi e la rivendicazione della paternità italiana del caffè espresso e del cappuccio.

Ed eccoci ai giorni nostri: una tradizione del caffè che guarda al futuro

Nel 2010 prendono il via i lavori di ristrutturazione e di ampliamento della Torrefazione. Cura il progetto lo studio Castiglioni & Nardi Architetti Associati, che alla parte produttiva unisce una nuova area destinata alla formazione e alla cultura del caffè intesa nel suo senso più vasto: l’Esposizione Caffè Milani. Il nuovo edificio da poco ultimato, si caratterizza per la presenza di ampie vetrate e l’utilizzo di una struttura metallica che conferisce all’insieme flessibilità e leggerezza.

Nasce frattanto il nuovo fiore all’occhiello della Torrefazione, la miscela Gran Espresso, che viene presentato con successo al mercato. La sua importanza è sottolineata dalla latta da 3 chili che la contiene e ne salvaguarda l’aroma.

Ultima nata è la miscela Action Espresso Bio 100% arabica: i caffè che la compongono sono coltivati senza l’utilizzo di prodotti chimici e pesticidi.

Nel 2015, dopo la Laurea in Scienze della comunicazione, fa il suo ingresso in azienda la prima rappresentante della terza generazione, Elisabetta Milani, figlia di Pierluigi. Anche lei è “cresciuta nel caffè” e ha seguito le orme paterne, visitando le zone di origine del caffè, a cominciare dall’Honduras. Oggi si occupa del marketing aziendale: tra le strategie c’è un nuovo importante impulso alla formazione. Grazie a una nuova aula moderna e funzionale nasce l’Altascuola Coffee Training che offre un sistema completo e avanzato di corsi di formazione e aggiornamento teorici e pratici legati alla qualificazione professionale nonché alla gestione del locale.

Questo 2017 è un anno importante per Caffè Milani, che festeggia i suoi primi 80 anni di attività con numerose iniziative.

 

Phone: +39 031 280778
Fax: +39 031 282762
22030 Lipomo (CO)
Via Provinciale, 811