Inaugurata Esposizione Caffè Milani

Un viaggio affascinante dal chicco alla tazzina.

 Il primo e il terzo venerdì di ogni mese è possibile prenotare una visita.

 Il caffè espresso è uno dei simboli del made in Italy apprezzato in tutto il mondo. In esso si esprimono stile, gusto, capacità di interpretare e gustare i piaceri della vita: un’arte che tutti ci invidiano. Eppure, di quell’ingrediente che non può mancare nelle nostre cucine, protagonista della magica sosta della “tazzina” al bar, spesso sappiamo ben poco.

La lontananza, certo, fa la sua parte: il caffè cresce infatti in un centinaio di Paesi tropicali sparsi in tutti i continenti, ma non in Europa, dove giungono i “chicchi verdi” pronti per essere tostati, miscelati e trasformati nella macchina espresso, nella moka o con la “macchinetta” a casa.

Quei chicchi non sono tutti uguali: la ricchezza di origini e gusti del caffè è analoga a quella del vino, con la differenza che le vigne le vediamo e conosciamo come nasce il vino, mentre le piante del caffè, la raccolta delle drupe, la loro lavorazione, la selezione, il lungo viaggio all’interno dei sacchi di iuta e spesso anche tostatura sono processi ai più sconosciuti.

Ma quanto è affascinante scoprire cosa c’è dietro la tazzina di caffè da un punto di vista ambientale, colturale e di lavorazione nonché di trasformazione attraverso una tecnologia che di nuovo vede gli italiani maestri con la creazione e l’evoluzione della macchina espresso.

L’Esposizione Caffè Milani, realizzata all’interno del nuovo stabilimento di Caffè Milani a Lipomo (Como) progettato dallo Studio Castiglioni & Nardi propone un percorso dalla pianta alla tazzina, ma non impone “sensi unici”. Il visitatore può prendere il via da una buona tazza di espresso per scoprire le apparecchiature e concludere con i chicchi o fare il cammino inverso. Ognuno con i propri ritmi e interessi, consapevole di essere in un ambiente in cui in ogni prodotto esposto, è la passione per il caffè la vera protagonista.

Il progetto di “sceneggiatura museale” è stato realizzato da Paolo Zanzi, progettista, graphic designer, fotografo e art director. Suoi sono l’ideazione, la ricerca, i contenuti comunicativi e quelli testuali e iconografici riferiti ai temi in esposizione.

La visita che proponiamo va dal chicco alla tazzina.

Già dall’esterno le ampie vetrate che caratterizzano l’ala dello stabilimento destinata all’Esposizione lasciano intravvedere una presenza insolita che entrando si materializza in tronchi e rami che salgono verso l’alto, a simulare le piantagioni (per lo più di montagna) in cui il caffè cresce all’ombra di alberi di alto fusto. Con l’ascensore o tramite una scalinata in legno si raggiunge il secondo piano.

Il percorso prende il via dal secondo piano con il caffè verde.

Prima di accedere alla sala si possono ammirare, “immerse tra i rami” le prime protagoniste dell’attività di Caffè Milani: una tostatrice del ’37 della Trabattoni di Lecco e i vecchi silos in cui veniva conservato il caffè tostato.

Qui sono protagonisti i paesaggi delle coltivazioni, le immagini dei fiori bianchi del caffè, simili per forma e profumo al nostro gelsomino, le drupe mature al cui interno si trovano due chicchi, i processi di produzione e lavorazione del caffè e poi attrezzature che mostrano il trasporto, la selezione con appositi “setacci”, i crivelli, con cui sono classificati i chicchi. Ancora, i sacchi con il verde da guardare, toccare per verificare la durezza, la resistenza e l’assenza di profumi di ciò che con la tostatura diventerà un chicco di colore marrone che crescerà in volume, perderà in peso, si farà molto fragile, ma soprattutto ricco di una gamma aromatica intensa e ricchissima. Affascinano i video che mostrano paesi lontani, paesaggi affascinanti e scene di vita attorno al caffè.

Sul fondo della sala una serra propone alcune piante di caffè arabica che colpiscono per le loro foglie lucide, un po’ piatte e allungate che nascono a coppie unite tra loro e poi si aprono all’apice del ramo. Amano la luce ma non il sole diretto, una temperatura non troppo elevata, ma soprattutto una buona dose di umidità per crescere ben sane: in natura possono arrivare fino a 6 metri.

Al centro della sala colpisce una struttura di legno a forma di doppia foglia: al suo interno si trovano immagini del caffè al microscopio: chicchi verdi, tostati e macinati, ingrandimenti delle foglie: particolari invisibili a occhio nudo che affascinano.

Avvicinandosi all’uscita, sul lato sinistro si coglie un ulteriore spazio: è una sala dedicata alle vere protagoniste del caffè: le donne. Si possono ammirare vestiti tipici del Guatemala e immagini che mostrano la cura nella raccolta e selezione delle drupe mature prima e successivamente dei chicchi verdi: operazioni svolte con estrema rapidità e precisione. Come solo una donna sa fare.

Chi vuole fermarsi un poco e stupirsi davanti al sapere che circonda il caffè, può salire al sopralzo-biblioteca, con tanti libri che spaziano dalla sua storia alle tecniche di coltivazione e di estrazione, ricette, storie, leggende e tradizioni legate alla bevanda da tutto il mondo.

Il primo piano è dedicato alla trasformazione del caffè in bevanda.

Si inizia con una capanna che propone le immagini e gli oggetti legati al rito del caffè etiope (Il Paese di origine del caffè Arabica), dove i semi vengono tostati e fatti girare tra gli astanti affinché ne colgano l’aroma; quindi sono macinati con il mokecha. Il caffè in polvere è poi posto in un contenitore detto Jebena, di terracotta, con una base sferica e un collo allungato, bollito in acqua aromatizzata con polvere di zenzero e servito in tazza. La cerimonia completa comprende tre giri di tazze.

Entrando colpisce l’esposizione ordinata di pezzi unici, spesso antichi e di fattura ricercata.

La parte dedicata agli strumenti per la preparazione del caffè in ambito domestico, è divisa in base ai metodi di preparazione, dai sistemi a infusione per bollitura ai metodi a pressione di pistone. Ogni passaggio è descritto e accompagnato da uno o più pezzi antichi e ricchi di fascino.

Ogni metodo ha poi un “gioiello”, ovvero un pezzo di particolare pregio per fattura o rarità. Si passa quindi alle macchine da casa, di nuovo rifinite con grande cura e attenzione.

Il lato opposto è dedicato alle macchine professionali. Spiccano quelle a vapore dei primi del ‘900 (ci sono esemplari fino agli anni ’50), affascinanti con la loro struttura imponente e la complessa presenza di tubi e rubinetti, che rimandano a un rito di estrazione in cui la mano del barista aveva un ruolo molto importante. L’estrazione del caffè (una bevanda nera, molto amara e per lo più senza crema in superficie) si realizzava con un primo passaggio di acqua bollente sul macinato: quando cominciava a gocciolare il caffè, si chiudeva il rubinetto dell’acqua e si apriva quello del vapore, che “spingeva” l’acqua ad attraversare il caffè nel filtro e andare in tazza. Considerato con il “palato” odierno, il prodotto non era forse dei migliori (la temperatura dell’acqua era davvero eccessiva e a causa di ciò la bevanda era molto amara), ma ha conquistato il palato degli italiani e spinto a ricercare tecniche sempre più innovative e rispettose del caffè e dei suoi aromi.

Proseguendo si incontrano le macchine a leva, dall’invenzione nel 1950 al 1970: queste nuove apparecchiature hanno permesso di modulare con più attenzione la temperatura e la pressione dell’acqua nonché il tempo di percolazione, dando in tazza quel buon espresso che ancora oggi molti in Italia gustano.

C’è poi la macchina che ha realizzato la prima vera “rivoluzione” nelle macchine espresso: la E61 di Faema (il suo nome indica l’anno di creazione e dice che ci fu un’eclissi di sole). Se fino ad allora la regolazione della pressione era affidata alla leva e alla mano di chi la manovrava, in questa macchina per la prima volta viene utilizzata una pompa in grado di conferire all’acqua la pressione ideale di 9 atmosfere mantenendola costante durante l’intero processo di estrazione. Dalla pesante leva si passa a una levetta che apre e chiude l’erogazione senza alcuna fatica.

Uscendo dalla sala si incontra un’ampia vetrina con più di 700 tazzine di torrefazioni esposte in ordine alfabetico (la collezione originale ne comprende circa 6000).

In pochi passi si accede a una passerella che offre una visuale della torrefazione, con le tostatrici, i macchinari per le capsule e cialde, e numerosi impianti di confezionamento.

L’area dedicata ai corsi sul caffè e la formazione avanzata per gli specialisti del caffè

Proseguendo si raggiunge la sala corsi, un accogliente anfiteatro con banchi dai quali seguire incontri, lezioni e dimostrazioni pratiche per conoscere sempre più da vicino le origini e i consigli per il migliore utilizzo del caffè a casa come al bar. Per i professionisti è disponibile un ampio ventaglio di corsi che presto sarà implementato con altri rivolti al consumatore finale: quanto, ad esempio, c’è da imparare sulla moka!

L’itinerario non può concludersi che con una tazza di buon caffè, dove è anche possibile acquistare caffè in grani, macinato, in cialda, in capsula e confezioni regalo: una risposta per ogni esigenza.

Preferite un espresso realizzato con la miscela Gran Espresso, con la nuova Action Espresso Bio o il piacere della scoperta di una singola origine? Non c’è che l’imbarazzo della scelta! Enjoy.

Prenotate la vostra visita

È possibile visitare l’Esposizione Caffè Milani ogni primo e terzo venerdì del mese. Ci si può prenotare su questo sito nella sezione Prenota visita Esposizione Caffè Milani oppure telefonando allo 031 280778. Visite e telefonate si ricevono in orari di ufficio: 8,00-12,00 e 14,00-18,00. Non perdete un’occasione davvero unica.

 

Rassegna Stampa Facebook: http://bit.ly/CaffèMilaniPress

 

SalvaSalva

SalvaSalva

Phone: +39 031 280778
Fax: +39 031 282762
22030 Lipomo (CO)
Via Provinciale, 811