Alcuni suggerimenti per pulire la moka

Alcuni suggerimenti per pulire la moka

Quanti di voi in questo periodo di quarantena casalinga hanno riscoperto il gusto di farsi un buon caffè con la moka? Ora che il tempo è più fluido, ci si può concedere qualche minuto in più per godersi la colazione. Proprio perché non la si usava da un po’, o semplicemente perché ne ha bisogno, sapete come pulire una moka? Uno dei falsi miti che si tramanda spesso di generazione in generazione è quella secondo la quale la moka non si dovrebbe lavare, cosa assolutamente non vera. Infatti, se questa regola fosse applicata a qualsiasi altra stoviglia, come una pentola o un piatto, probabilmente storceremmo il naso. Considerate la moka come la “padella” del caffè, e come tale, deve essere trattata. Gli olii e i grassi che si depositano sulle pareti delle attrezzature per caffetteria con il passare del tempo si ossidano dando origine ad un cattivo funzionamento della moka che si traduce nella realizzazione di un caffè per nulla buono,  sovrastato da sentori di rancido, di bruciato, alla faccia degli aromi che tanti torrefattori si sforzano di portare in tazza!

Dunque, come si lava la moka?

Passati 3-4 giorni dal suo ultimo utilizzo, sarebbe opportuno lavarla con semplici ingredienti.

L’esterno della moka

Non necessita di particolari attenzioni se non l’utilizzo di una spugna morbida, che non graffi, con l’aggiunta di un po’ di aceto o bicarbonato se serve una maggiore abrasione.

Il filtro

Il filtro si riempie spesso di residui, quindi per pulirlo, lo si immerge in un contenitore di acqua molto calda con l’aggiunta di acido citrico (in proporzione all’acqua e grandezza del filtro). Se i forellini sono difficili da liberare, aiutatevi con uno spillo o stuzzicadenti.

Il serbatoio

Esattamente come se vi steste preparando un caffe, riempite il serbatoio per metà con acqua e l’altra metà con aceto bianco e un pizzico di sale. Chiudete tutto e mettete sul fuoco, facendo uscire la miscela totalmente. Prima di usare nuovamente la moka, è preferibile fare un caffè a vuoto.

Guarnizione

E’ sufficiente passare un panno imbevuto di aceto puro per eliminare i residui bruciati, se invece la guarnizione è particolarmente  provata, è meglio sostituirla.

In ammollo

Una volta al mese, la caffettiera va smontata e tutti pezzi vanno messi in ammollo con acqua calda  e acido citrico. Procedere risciacquando bene il tutto e ricordarsi di fare un caffè a vuoto prima di riutilizzarla.

Errori da evitare

Inoltre, ci sono alcuni accorgimenti o errori da non fare per avere sempre un buon caffè, come ad esempio ricordarsi che se la caffettiera è nuova il primo caffè dovrà essere fatto a vuoto, utilizzando anche un solo cucchiaino di caffe da mettere nel filtro, evitando così di avere un sapore metallico. Oppure è importante sapere che per pulire la moka non bisogna mai usare detergenti saponati, sia perché sarà necessario un risciacquo molto approfondito sia perché ci sarà il pericolo di avere un retrogusto molto sgradevole. Una volta sciacquata, è importante che la moka asciughi in maniera perfetta prima di riporla poiché si potrebbero formare umidità o macchie di muffa. Ma soprattutto, non scordatevi la moka piena di caffè per giorni perché anche in quel caso potrebbe ammuffire, soprattutto con le alte temperature.

Bene, ora siete in possesso di tutti gli accorgimenti necessari per avere una moka perfetta e nessuna scusa del tempo che manca… al lavoro! 😉

 

Phone: +39 031 280778
Fax: +39 031 282762
22030 Lipomo (CO)
Via Provinciale, 811