Assaggi Illustri. Il caffè nelle abitudini di intellettuali e artisti

Assaggi Illustri. Il caffè nelle abitudini di intellettuali e artisti

Un aroma grezzo e prepotente dalle note a tratti amare travolgeva i palati degli intellettuali più illustri del mondo.

Questo è l’effetto che importanti personaggi del pensiero e della cultura subivano all’assaggio di una tazzina di caffè.

In questa occasione parleremo di intellettuali e artisti che hanno sempre amato sorseggiare caffè tanto da farne diventare un’abitudine irrinunciabile.

 

I compositori e filosofi amanti del caffè

Incominciamo ricordando importanti compositori come Giuseppe Verdi che definiva il caffè come un balsamo per cuore e spirito, Johann Sebastian Bach dedicò una sua opera alla bevanda, la poco conosciuta Coffee Cantata, ed infine il tormentato Beethoven, il quale pretendeva che gli venisse fatto un kaffee con esattamente 60 grani.

Se questi non vi sembrano veri amanti del caffè, vi racconto la passione di un filosofo del XVIII secolo di nome James McKintosh che considerava il potere della mente di un uomo direttamente proporzionale alla quantità della bevanda bruna ingerita.

 

Scrittori e registi con la passione per la tazzina di caffè

Nonostante diversi nomi abbiano amato la bevanda, è proprio il maestro del romanzo francese Honoré de Balzac ad essere stato uno dei più accaniti appassionati di caffè, un uomo che riteneva il consumo di 50 tazzine al giorno indispensabili per poter scrivere i suoi lunghi romanzi.

Il romanziere francese ha dedicato alcune opere al suo amato caffè come il trattato posto in appendice alla Fisiologia del gusto del gastronomo Brillat-Savarin, dove descrive con dovizia di particolari gli effetti del caffè sul corpo dicendo: “Il caffè giunge nello stomaco e tutto mette in movimento: le idee avanzano come battaglioni di un grande esercito sul campo di battaglia. I pensieri geniali e subitanei si precipitano nella mischia come tiratori scelti […]».

Infine, vorrei ricordare un grande regista come Eduardo de Filippo che nell’opera “Questi Fantasmi” suggerisce una ricetta per fare il caffè in casa: “A tutto rinuncerei, tranne a questa tazzina di caffè, presa tranquillamente qua, fuori al balcone, dopo quell’oretta di sonno che uno si è fatta dopo mangiato. E me la devo preparare io stesso, con le mie mani […]”.

Il caffè è una bevanda dal carattere forte e deciso e come abbiamo visto molto amata dagli intellettuali di tutto il mondo. E’ un compagno di vita che in molti casi può favorire il processo creativo come infondere energia e vigore.

Phone: +39 031 280778
Fax: +39 031 282762
22030 Lipomo (CO)
Via Provinciale, 811