Galateo di Natale: come servire (e bere) il caffè delle feste

Galateo di Natale: come servire (e bere) il caffè delle feste

Anche il caffè ha il suo bon ton da rispettare, soprattutto a Natale e in tutte quelle feste in cui ci si ritrova a tavola con la famiglia e gli amici più cari. Sono semplici regole per stupire gli ospiti che abbiamo coccolato con deliziosi manicaretti e che, anche sul gran finale, rimarranno piacevolmente colpiti. Infatti, oltre a curare il menù, è importante pensare al momento del caffè, con gusto ed eleganza. Ecco, quindi, cosa suggerisce il galateo sul dove e come servirlo, accompagnato da piccoli suggerimenti di stile per berlo con classe.

Le regole del bon ton del caffè

Il caffè delle feste lo offri a tavola o in salotto? Preferisci servirlo in tazzina o porti a tavola la caffettiera fumante? Partiamo da queste domande per scoprire quali sono le regole del galateo di Natale (e non solo) che faranno di te il perfetto padrone di casa.

Dove servire il caffè a casa durante le feste

Pensa a quante volte ti sei messo a contare le mani alzate di chi, dopo aver mangiato con gusto, cerca di resistere con tutte le sue forze al sonno che incombe e attende con ansia il caffè. Ritrovarsi a servirlo su una tavola ancora apparecchiata e piena di briciole, spezza la magia in un istante. Quindi, cosa fare?

L’etiquette della tazzina consiglia di invitare gli ospiti a sedere in salotto, così approfittando della pausa, potranno scambiare due chiacchiere in totale relax. Nel frattempo, mentre la padrona di casa preparerà il vassoio da portata e il tavolino dove servirà il caffè, la caffettiera inizierà a sbuffare, riempendo la casa di quell’aroma così speciale da far rinvenire anche i più sonnolenti. Se per motivi di spazio, puoi servirlo solo a tavola, ricordati di sparecchiare e di togliere la tovaglia.

Come offrire il caffè per fare bella figura

Oltre a servire il caffè in uno spazio comodo e piacevole, non bisogna dimenticare che va portato a tavola, bollente. Le tazzine vanno disposte sul vassoio, ciascuna con il suo cucchiaino appoggiato sul lato destro del piattino. Non solo, è importante che siano accompagnate dalla lattiera, dalla zuccheriera (con il suo cucchiaino) e dai tovagliolini di carta. Per un tocco di stile in più, non possono mancare cioccolatini, pasticcini di frolla e magari dei torroncini.

Il rito del caffè prevede che, nel caso della moka, i padroni di casa lo versino direttamente nella tazzina davanti agli ospiti e per non più di 2/3. Poi, chiedendo loro se lo preferiscono con aggiunta di latte, con zucchero e quanto, si provvede ad esaudire le loro richieste, passando, poi, la tazzina.

E se si utilizza il caffè in cialde o capsule cambia qualcosa?

Sì, andranno servite due o tre tazzine per volta, calde e fumanti, con quella schiumetta che piace sempre. In questo caso saranno gli ospiti a provvedere allo zucchero e al latte se gradito, mentre in tavola, già troveranno un vassoio con i deliziosi dolcetti.

Come bere il caffè? Ecco cosa dice il galateo

Bere il caffè è molto più di una semplice abitudine. È un vero e proprio rito con le sue regole:

  • qualità e aroma sono fondamentali: scegli il meglio (Caffè Milani, naturalmente 😉);
  • il caffè si mescola sempre, anche quando è senza zucchero, con il cucchiaino che andrà poi appoggiato sul piattino: non metterlo mai in bocca;
  • la tazzina va presa con pollice e indice: evita di alzare il mignolo perché non serve;
  • il caffè si raffredda naturalmente: non soffiarci sopra;
  • la tazzina non è un calice di vino e il caffè non va agitato: non rotearla;
  • il caffè si sorseggia in modo silenzioso e discreto: assaporane l’aroma, evitando rumori strani e molesti.

Il caffè migliore è quello gustato con le persone che ami

Rendi ancora più speciale il tuo Natale con una buona tazzina di caffè, servita fumante e con una spruzzata di eleganza!

Phone: +39 031 280778
Fax: +39 031 282762
22030 Lipomo (CO)
Via Provinciale, 811