Giro del mondo in tazzina: tanti modi per dire (e fare) caffè

Giro del mondo in tazzina: tanti modi per dire (e fare) caffè

Ti è già successo di partire per un viaggio mettendo in valigia l’irrinunciabile Moka? Gli appassionati di caffè non possono farne proprio a meno, soprattutto, quando, andando all’estero, sanno che non è sempre così facile trovare un buon espresso. Eppure, il caffè ha radici in tutto il mondo e ama farsi scoprire e degustare in tutte le sue varietà, svelandosi nei suoi mille gusti e abbinamenti.

Iniziamo il nostro giro del mondo, esplorando Paesi e tradizioni al profumo di caffè. Vieni con noi!

Viaggio nella cultura del caffè

Paese che vai usanza che trovi dice il proverbio, che si conferma vero anche parlando di chicchi di caffè. Infatti, in ogni Paese del mondo, la tradizione passa attraverso lavorazioni e preparazioni diverse.

In Europa

Prima di metterti in viaggio, ricaricati con un buon Caffè Milani, naturalmente. I classici italiani sono l’espresso e il macchiato, affiancati, poi, dal cappuccino, dal caffè lungo e da numerose altre ricette, da gustare nelle diverse pause della giornata.

Diverse le abitudini in Francia dove bevono il caffè dopo averlo lasciato in infusione 3-5 minuti, in un bricco caldo con acqua bollente, oppure nella versione cafè au lait, accompagnato con croissant o pain au chocolat.

Proseguendo il viaggio, facciamo tappa in Spagna e Portogallo, dove tra i classici puoi trovare:

  • cafè con leche, spagnolo: 1 dose espresso + 2 dosi di latte bollente;
  • caffè carajillo, spagnolo: 1 bicchierino di caffè + 1 bicchierino di rum (o brandy o whisky);
  • cimbalino, portoghese: espresso lungo;
  • galão, portoghese: 1 dose scarsa di espresso + 3 dosi di latte macchiato.

Volgendo lo sguardo verso il Nord Europa, incontriamo la tradizione del caffè bollito dei paesi scandinavi, dove per una tazza di circa 250ml, ci sono circa 30g di caffè (prediligono gusto arabica, tostatura chiara, macinato grossolanamente).

In America

Voliamo, ora, negli Stati Uniti,dove troviamo grandi bevitori di caffè, amanti perlopiù del caffè filtro o a infusione, con un’ampia scelta di aromatizzazioni. Proseguendo verso Sud, s’incontrano i Paesi, maggiori produttori di caffè, come il Brasile, ma non solo.

  • Cuba: la piantagione di caffè nel sud dell’isola è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità, perché le piante sono coltivate senza fertilizzanti chimici. Dal chicco alla tavola, il più famoso è il Coradito, preparato con una dose di espresso e una dose di latte e zucchero.
  • Messico: ha il primato di produzione di caffè biologico. Tra le ricette, risalta Caféde Olla, che al caffè in polvere, aggiunge cannella, piloncillo e acqua bollente.

In Oriente

Il caffè è sempre più diffuso anche in Cina e Giappone, dove sono state importate le tradizioni occidentali, come quella dell’espresso, con un mercato fiorente di cialde e capsule e, il caffè americano. Invece, il più diffuso nei paesi mediorientali è il caffè alla turca, preparato utilizzando spezie, come pepe, cannella, chiodo di garofano, cardamomo e sesamo. Per prepararlo occorre l’ibrik in ottone, dove si fa bollire la polvere di caffè.

 

In Africa

Il caffè etiope è uno tra i più famosi; è preparato con la Jebena, la caffettiera in ceramica tradizionale. Come in Medioriente, la miscela viene arricchita di spezie dopo aver fatto bollire acqua e polvere macinata di caffè Arabica. L’infuso viene poi lasciato riposare per dieci minuti e, infine, versato in tazza. Per gustare questa bevanda aromatizzata, l’ideale è sorseggiarla lentamente.

Caffè tra il dire e il fare

Dovunque andrai, porta con te un po’ delle tradizioni di tutto il mondo e il rientro a casa profumerà di buono…e di caffè!

Phone: +39 031 280778
Fax: +39 031 282762
22030 Lipomo (CO)
Via Provinciale, 811