La favola di Yemane alla scoperta dei chicchi di caffè

La favola di Yemane alla scoperta dei chicchi di caffè

Tanti e tanti anni fa, in una notte di luna piena, c’erano un bel fuoco scoppiettante e, seduti intorno, Hasani e Abeba, con i loro tre figli. Quella notte era propria quella giusta per una bella storia, aspettando il domani, quando avrebbero ripreso il loro viaggio alla ricerca della felicità. Così, papà Hasani iniziò a raccontare una delle più belle storie che conosceva, la stessa che avevano raccontato a lui quando era bambino, quella del suo bisnonno Yemane e della sua avventura alla scoperta dei chicchi di caffè. 

Yemane ogni mattina all’alba partiva da casa per raggiungere il campo dove lavorava, raccogliendo miglio fino a sera. Era stanco di attraversare quella terra rosso fuoco per poche monete, ma quello era l’unico modo che aveva trovato per sfamare la sua famiglia. Poi, un giorno tutto cambiò. Quella mattina, durante il tragitto, sentì un profumo particolare arrivare da un accampamento; non aveva mai sentito niente di simile. Ad un certo punto vide un vecchio seduto lì, sulla strada e accanto una cesta piena di frutti rossi come ciliegie. L’anziano signore si accorse che Yemane stava fissando quella cesta e lo fermò dicendo: “Cosa hai da guardare, viandante?” e lui rispose dicendo che non aveva mai visto quei frutti. “Tieni” disse, dandogliene una manciata. Yemane li accettò, ringraziando. Non sapeva se assaggiarli o meno, ma era incuriosito. Così, proseguendo il suo cammino, ne sgranocchiò qualcuno e presto sentì di avere una grande energia. Giunto al campo di miglio, lavorò fino a sera e tornando a casa, vide che quel vecchio non c’era più. Lo ritrovò il mattino dopo, così ne approfittò per ringraziarlo e per chiedergli di quali frutti si trattasse. Il vecchio non rispose, sorrise solamente, offrendo a Yemane una tazza fumante. Lui accettò: l’aroma era qualcosa di inebriante e il gusto gradevole; ringraziò e riprese il suo cammino. 

Nei giorni a seguire non ci furono altri incontri. Intanto, Yemane non aveva raccontato a nessuno di quel vecchio e di quel dono. 

Dopo qualche giorno, mentre lavorava, un uomo che insieme a lui era impegnato nei campi, si accasciò per la stanchezza. Era una giornata molto calda e non ci si poteva fermare. Yemane ricordò di avere ancora qualcuno di quei frutti rossi, glieli diede e dopo poco si sentì meglio. In quel momento pensò: “Se solo sapessi cosa siano e dove raccoglierli, tutto potrebbe cambiare. Lavorare nei campi sarebbe meno faticoso per tutti”. Quella sera tornando a casa, si accorse che il vecchio era lì e sembrava proprio stesse aspettando lui. Gli fece segno di avvicinarsi e con il bastone cominciò a tracciare sulla terra una mappa e poi vi fece cadere sopra alcuni di quei frutti rossi. Non aggiunse parole. Yemane capì, osservò il disegno e intanto iniziò a chiedersi come avrebbe potuto raggiungere quel posto. Era lontano: 10 soli e 10 lune per raggiungerlo. Così aveva indicato quell’uomo misterioso. Come avrebbe potuto lasciare il lavoro per tutti quei giorni e, soprattutto, la sua famiglia. Ringraziò e se ne andò pensieroso. Pensò per tutto il viaggio di ritorno a casa e anche per tutta la notte. Sognava una vita diversa per lui e la sua famiglia ma aveva paura di lasciare la terra dove era nato per un posto che non conosceva. All’alba raccontò tutto alla sua sposa, Addis, che stringeva in braccio la piccola Hanna, appena allattata. Presero coraggio e decisero di partire. Yemane sentiva che quei frutti rossi avrebbero portato loro fortuna, così radunarono le poche cose che avevano e si misero in viaggio. 

Dopo 10 soli, 10 lune e un viaggio ricco di sogni per il futuro, arrivarono in quell’angolo di terra dove Yemane riconobbe quel profumo, ma molto, molto più intenso. C’erano tante, tantissime piante di quei frutti rossi. Il paesaggio era pieno di vita e vicino c’era un villaggio che li accolse e diede loro da dormire. Lì cominciò la nuova vita di Yemane, Addis e la piccola Hanna. Presto scoprirono che quei frutti rossi si chiamavano Kaffa (caffè) e Yemane iniziò a viaggiare per farli conoscere in tutte le regioni dell’Etiopia. Ad ogni ritorno, trovava la sua famiglia ad aspettarlo, con la gioia negli occhi. Il sogno si era realizzato.

Così Hasani e Abeba, guardando i loro tre figli addormentati, si abbracciarono e volsero gli occhi al cielo, con uno sguardo di speranza per quel viaggio alla ricerca della felicità.

Phone: +39 031 280778
Fax: +39 031 282762
22030 Lipomo (CO)
Via Provinciale, 811